Caricamento Eventi

Giro ad anello ai margini del più vasto ghiacciaio delle Dolomiti, in cui elementi più propriamente naturalistici si associano a reperti e testimonianze della Guerra 1915/1918 di estremo interesse.

Si tratta di un itinerario poco conosciuto che si snoda in una delle zone meno esplorate della Marmolada, ovvero la sua base occidentale. Le cosiddette “marmitte della Marmolada”, sono formazioni rocciose scavate dall’acqua proveniente dal ghiacciaio della Marmolada, la quale crea dei veri e propri canali nella roccia dalla forma originale.

Si parte da Pian Trevisan (di fronte hotel Villetta Maria), sentiero n. E 619, che si sviluppa con pendenza regolare, offrendo man mano scorci sempre più ampi sul Gran Vernel. In prossimità di una grossa conduttura dell’acqua ha inizio il tratto delle cosiddette “marmitte”, caratterizzato da cascatelle e piccoli rivoli d’acqua che discendono dal sovrastante ghiacciaio e che, per effetto dell’erosione, formano i più svariati giochi d’acqua.

Dopo aver ammirato questo spettacolo naturale, si riprende a salire seguendo tracce di mulattiere militari e, superata una balza rocciosa facilitata da corrimano metallici, si raggiunge Forcella del Buosc a quota 2428, dove troviamo numerosi resti di costruzioni della Grande Guerra. Si procede poi lungo il sentiero E 606 fino alla diga di Fedaia. Attraversato il muraglione giungeremo al rifugio Castiglioni e da qui attraverso il sentiero n.605 ritorneremo al nostro punto di partenza.

 

 

Partenza e arrivo: Villetta Maria a pochi chilometri dal Passo Fedaia (1681 m s.l.m.).

Quota massima: 2438 m s.l.m..

Tipo di difficoltà: EE

Dislivello: 757 metri

Durata circa 7 ore.

Info e iscrizioni: entro il girono 26 agosto 2022, telefonando a Ivonne Iuriatti (cell: 3403342262)

 

 

Torna in cima