Caricamento Eventi

Il Monte Carone è una montagna delle prealpi Gardesane. Durante la Grande Guerra fu trasformato dai comandi italiani in un grande complesso militare con lo scopo di sbarrare la strada ad eventuali attacchi austriaci nella zona del Lago di Garda. Il grandioso panorama che si osserva dalla cima del monte fa capire l’importanza strategica del luogo; infatti, si trovavano luoghi di osservazione e numerose piazzole per l’artiglieria antiaerea.

L’escursione parte dal paese di Prè di Ledro che si raggiunge da Riva del Garda seguendo la statale della Val di Ledro, lasciata l’auto nel piccolo parcheggio del paese attraversiamo il ponte sul torrente Ponale e prendiamo la ripida stradina cementata, segnavia Sat 421, che porta alla località Leano, un incantevole gruppo di case sparse su un altipiano.

Da qui proseguiamo su una mulattiera nel bosco, passiamo poi tra due strette pareti rocciose (chiamate Bocche di Vil) fino a raggiungere Malga Vil 1109m. Appena passata la malga si deve girare a destra dove troviamo, una targa a ricordo di Agostino Maroni che indica il sentiero da seguire. Proseguiamo fino ai prati di Guil, entrando così in provincia di Brescia, sempre seguendo le tracce bianco-rosse entriamo in uno rado bosco dove il sentiero sale con pendenza moderata fino a che intorno ai 1500m troviamo i ruderi di un villaggio militare costruito nella prima Guerra Mondiale, da qui proseguiamo e in breve giungiamo sulla cima del Monte Carone 1621m dove troviamo una croce costruita con reperti della Grande Guerra e in particolare vi sono posti un elmetto austriaco e uno italiano.

Dalla cima la vista è magnifica spaziando dal Lago di Garda, con il Monte Baldo a est, il Lago di Ledro a ovest, le Alpi Giudicarie a Nord.

 

CARATTERISTICHE DELLA GITA:
  • Partenza e arrivo: Prè di Ledro
  • Difficoltà: EE
  • Dislivello: 1400mt
  • Tempo: 7h
  • Quota massima: 1600mt
  • Pranzo: Al sacco
  • Cartina: Tabacco n61
  • Coordinatore: Roberto Grandi (380/4557865)
Torna in cima